ICO di Telegram: Tutte le Informazioni e News sulla futura ICO di Telegram

L’indiscrizione è ormai stata confermata da diverse fonti. La società di messaggistica istantanea Telegram si sta preparando a lanciare una propria criptovaluta. La moneta digitale, chiamata Gram, dovrebbe vedere la luce nel corso del mese di Marzo con l’offerta ICO (Initial Coin Offering) che dovrebbe essere la più grande della storia.

Telegram è un’azienda Russa fondata nel 2013 da Nikolai e Pavel Durov che si è affermata realizzando un servizio di messaggistica istantanea molto simile a WhatsApp, ed oggi ha circa 180 milioni di utenti. L’obiettivo dei fondatori, grazie a questa offerta, sarebbe quello di potenziare i pagamenti che avvengono tramite l’applicazione Telegram. L’idea è quella di creare una piattaforma di proprietà della Telegram denominata TON (Telegram Open Network) attraverso la quale supportare lo scambio e la vendita della Criptovaluta Gram. Il lancio di Gram dovrebbe essere realizzato con l’offerta di acquisto (ICO) più grande sin ora compiuta. L’offerta dovrebbe essere di almeno 1,2 miliardi di dollari. L’azienda Russa punta a raccogliere almeno dai 600 ai 700 milioni di dollari nella fase iniziale dell’offerta. Un investimento notevole che porterebbe il colosso russo tra le prime aziende che si affacciano al settore delle criptovalute, soppiantando e mettendosi in concorrenza con i Bitcoin ed Ethereum.

Le caratteristiche della piattaforma TON e di Gram

La piattaforma TON (Telegram Open Network), secondo l’idea dei creatori, sarà un progetto che punterà a garantire tanti servizi ai propri utenti. TON consentirebbe così tramite la tecnologia blockchain (catena di blocchi) utilizzata per lo scambio di criptovalute di scambiare moneta in modo istantaneo riducendo al minimo i costi di transazione. L’acquisto di Gram potrà avvenire in dollari oppure in euro.

La particolarità e l’unicità del progetto risiede nell’integrazione di diversi servizi, partendo dal più popolare servizio di messaggistica istantanea. Avere una base di utenti molto ampia sarà un notevole vantaggio di partenza e garantirà sicuramente dei notevoli privilegi. Partendo da una base di 180 milioni di utenti che utilizzano il sistema di messaggistica, si potrà integrare con TON scalando velocemente le tappe del progetto.

Rispetto alle altre criptovalute, si potrebbe assistere ad un ribaltamento del processo essendo l’unico che si può realizzare partendo da una base centralizzata. In parole povere la nuova moneta gram avrebbe la possibilità certa di circolare su una vasta scala di utenti, senza dover partire da zero come per il Bitcoin o Etherium. Le caratteristiche multiservizi di TON potrebbero presto essere utilizzate da altre aziende e piattaforme terze, favorendone ulteriormente lo sviluppo e la diffusione. Secondo alcune indiscrezioni pare che il 4% della fornitura di gram (circa 200 milioni) verrà riservata agli sviluppatori di Telegram con il 52% detenuto dalla stessa società. Il restante 44% sarà venduto tramite i canali pubblici e privati. Le tappe del progetto prevedono per il mese di Marzo 2018 la prima offerta di acquisto ed il lancio del portafoglio (wallet) nel quarto trimestre del 2018. Nel 2019 data la diffusione si potrebbe riuscire a creare un vero e proprio sistema economico parallelo basato sul TON e la moneta Gram.

ICO Telegram

ICO Telegram

La sicurezza e gli aspetti speculativi

Come per tutte le criptovalute l’aspetto che riguarda la sicurezza è un fattore molto importante. Da questo punto di vista, utilizzando i sistemi simili per lo scambio delle altre criptovalute, Gram si pone allo stesso livello delle altre monete virtuali. La sicurezza data dai processi informatici che avvengono col il blockchain è di fatto molto elevata. Inoltre la garanzia dello sviluppo dell’azienda stessa rappresenta un’ulteriore fattore a favore della sicurezza. Ricordiamo che Telegram è considerata a livello di messaggistica una delle applicazioni più sicure esistenti nel settore, e ciò è di fatto un’ulteriore garanzia per la sicurezza delle transazioni.

Per quanto riguarda l’aspetto speculativo, l’idea di Telegram è quella di frenarne gli effetti di questo tipo. L’idea di conservare la proprietà di più delle metà (52%) delle monete in circolazione è legata proprio a questo. si vuole cercare di non favorire gli eventuali aspetti speculativi sul rialzo dei prezzi tipici di tali criptovalute. Certamente questo fermerà la spinta di eventuali fiammate delle criptovalute, ma i continui interventi regolatori sulle ICO potrebbero di contro condizionare la riuscita del progetto in futuro. Ricordiamo che l’idea di base di Telegram è quella di favorire gli scambi tra i fruitori del loro servizio di messaggistica, incrementando i servizi messi loro a disposizione. L’ultimo di questi è proprio la possibilità di scambiare denaro con le criptovalute.

Il progetto è davvero interessante ed ha tante possibilità di riuscire, ma come sempre saranno i prossimi mesi ed il prossimo anno a dare una risposta definitiva sul suo reale successo.L’idea di creare un vero e proprio ecosistema parallelo grazie al quale scambiare messaggi, file ed adesso anche monete è appena iniziato.

Articoli Collegati

Bitcoin Cash (BCH): Cos’è e come Differisce dal Bitcoin La Bitcoin Cash (BCH) una moneta virtuale, detta criptovaluta, che differisce dalla Bitcoin per alcune sue caratteristiche. Quersta nuova moneta ha fa...
Quotazioni Criptovalute: come Visualizzarle in Tempo Reale e l’andamen... Da quando sono nati i Bitcoin nel 2009 sono cresciute numericamente le applicazioni che consentono di fare trading con le criptovalute. All'interno de...
Dogecoin: Cos’è e come Nata la Criptovalute Dogecoin, come Funziona e ... Dogecoin è una criptovaluta, cioè una valuta digitale che consente di effettuare transazioni economiche virtuali e la cui generazione avviene su princ...

Leave a Reply

banner